02 ott 2018

392 visite


Iscriviti alla Newsletter Aliseo


Rimani aggiornato sulle ultime novità!


ISCRIVITI QUI



NUOVE TECNOLOGIE | Il gioco come vettore della sicurezza




Quando si parla di sicurezza sul lavoro si discute di un argomento di estrema serietà, anche alla luce dei tragici avvenimenti che, purtroppo, continuano a verificarsi all'interno delle Aziende.

Accostare il gioco alla parola sicurezza sul lavoro potrebbe sembrare un azzardo quasi irrispettoso, ma oggi vogliamo parlare di una nuova “tecnologia” o meglio di un nuovo metodo di apprendimento/comportamento che sfrutta le dinamiche del gioco per il raggiungimento degli obiettivi di sicurezza.

Stiamo parlando della ludicizzazione o “gamification”?

Il termine anglofono è stato coniato nel 2002 dal programmatore Nick Pelling, ma viene “divulgato” al pubblico acquisendo popolarità e stimolando interesse solo nel 2010 con la conferenza di Jesse Schell, famoso game-designer americano, tenutasi a Los Angeles.

Parlare di Gamification significa parlare di una serie di azioni che rendono ciò che è monotono, in qualche modo, divertente, o meglio, sposta la dimensione di ripetitività e le difficoltà ad essa legate, ad una dimensione più leggera e più semplice da affrontare.

Gli obiettivi della Gamification sono sostanzialmente 3, la Fedeltà, il Reclutamento e la Risoluzione dei Problemi; ma come è possibile applicare la Gamification alla sicurezza.

Molti degli aspetti legati alla SSL possono essere risolti implementando dei sistemi filo-ludici, soprattutto per quanto riguarda la parte della formazione.

In particolare, è possibile agire sulla leva motivazionale, ossia su quella sana competizione che è possibile creare tra i vari attori del sistema azienda per valutare chi sia stato il migliore in un determinato ambito.

Sentirsi quotidianamente “in sfida” con gli altri, porta il lavoratore ad impegnarsi di più per “essere il primo” così come nei giochi. In questo modo, l'impegno portato per primeggiare sfocerà in una maggiore attenzione a quello che viene fatto, aumentando le capacità di apprendimento oppure riducendo i pericoli.

A questo si lega in maniera indissolubile un sistema di Revenue, ossia di ricompensa. In qualche modo, il giocatore, necessita di essere ricompensato per il lavoro svolto in maniera ottimale.

Allo stesso modo, un lavoratore che ha un comportamento attivo sulla sicurezza, necessita di essere incentivato a compiere altre azioni positive. Anche se non si tratta di ricompense tangibili, gli utenti sono comunque spinti a compiere determinate azioni per aumentare il loro “guadagno” anche fittizio.

A questo è possibile associare anche delle dinamiche a Livelli che diventano dei mezzi per classificare l'utenza – in questo caso i lavoratori – a seconda del punteggio ottenuto.

 

In questo senso la Gamification offre diversi spunti su cui lavorare per approcciare il mondo della sicurezza con una visione moderna e dinamica, in modo da offrire spunti e motivazioni a chi deve quotidianamente porre attenzione alla sicurezza in maniera attiva e non passiva.

Aggiungi un commento alla notizia





CONTATTACI


Chiamaci allo 0424 38 26 38
o compila il box a lato, ti daremo tutte le
informazioni di cui hai bisogno.