08 apr 2021

226 visite


Iscriviti alla Newsletter Aliseo


Rimani aggiornato sulle ultime novità!


ISCRIVITI QUI



INAIL | Documento di istruzione per la prima verifica periodica dei recipienti a pressione




I recipienti a pressione sono strumenti molto presenti all’interno delle Aziende italiane e, come per tutte le altre attrezzature da lavoro, è necessaria la corretta attenzione sul funzionamento e lo stato di conservazione; per questo motivo INAIL, all’interno della collana dedicata alle prime verifiche periodiche, ha distribuito le istruzioni dedicate proprio ai recipienti a pressione.

In particolare, il documento tratta in maniera specifica le modalità di effettuazione della verifica, della redazione della scheda tecnica e del verbale per attrezzature classificate come Recipienti, ossia che appartengono al gruppo GVR – Gas, Vapore, Riscaldamento ben espletate nel punto 1.1.3. dell’allegato II del d.m. 11 aprile 2011.

Per quanto riguarda la periodicità e la tipologia di verifiche a cui è soggetto il recipiente, facendo capo all’allegato VII del Decreto Legislativo 81/08 vediamo che, per quanto riguarda attrezzature o insiemi contenenti fluidi del gruppo 1 secondo il d.lgs 26/16:

  • Recipienti o insiemi classificati in categoria III e IV, recipienti contenenti gas instabili appartenenti alle categorie dalla I alla IV e recipienti per liquidi surriscaldati diversi dall’acqua avranno una verifica di funzionamento biennale e una verifica di integrità decennale;
  • Recipienti o insiemi classificati nelle categorie I e II avranno una verifica di funzionamento quadriennale e una verifica di integrità decennale;
  • Recipienti per liquidi appartenenti alle categorie I, II e III avranno verifica di funzionamento quadriennale e verifica di integrità decennale.

Per quanto riguarda attrezzature o insiemi contenti fluidi del gruppo due secondo il d.lgs 23/16:

  • Recipienti o insiemi contenenti gas compressi, liquefatti e disciolti o vapori diversi dal vapor d'acqua classificati nelle categorie III e IV e recipienti di vapore d'acqua e d'acqua surriscaldata appartenenti a tutte le categorie avranno verifica di funzionamento triennale e verifica di integrità decennale.
  • Recipienti o insiemi contenenti gas compressi, liquefatti e disciolti o vapori diversi dal vapore acqueo classificati nelle categorie I e II avranno verifica di funzionamento quadriennale e verifica di integrità decennale.

Quali sono i recipienti a pressione?

Il documento specifica che per Recipiente a pressione, secondo quanto riportato in definizione dal d.lgs. 26/16, si parla di

“un alloggiamento progettato e costruito per contenere fluidi pressurizzati comprendente gli elementi annessi diretti sino al punto di accoppiamento con le altre attrezzature. Un recipiente può essere composto di uno o più camere”.

Rientrando quindi nel campo regolamentato dell’allegato VII del d.lgs. 81/08, INAIL da alcuni esempi di recipienti a pressione successivamente alcuni trattati nel corso del documento:

  • Apparecchi di tintura
  • Camere iperbariche
  • Cilindri di cartiera
  • Scambiatori di calore
  • Serbatoi criogenici
  • Serbatori di aria compressa
  • Serbatoi di stoccaggio GPL
  • Vasi d’espansione

 

Al lettore lasciamo quindi l’attenta lettura del documento cui consultazione è disponibile online.

 

SCARICA IL DOCUMENTO

 

Aggiungi un commento alla notizia





CONTATTACI


Chiamaci allo 0424 38 26 38
o compila il box a lato, ti daremo tutte le
informazioni di cui hai bisogno.