25 nov 2021

54 visite


Iscriviti alla Newsletter Aliseo


Rimani aggiornato sulle ultime novità!


ISCRIVITI QUI



INAIL | Gli aspetti normativi e i progetti di applicazioni biotecnologiche




INAIL inizia con la presente una serie di pubblicazioni dedicate alle biotecnologie e alle diverse tematiche ad esse correlate. Con questa prima pubblicazione vengono esaminate le principali applicazioni delle biotecnologie, gli aspetti normativi e tutti i progetti INAIL relativi a questo campo di attività estremamente attuale.

Quando si parla di biotecnologie si intendono tutte le tecniche le quali fanno uso di organismi viventi (batteri, lieviti, cellule vegetali e animali o parti di essi) per lo sviluppo di prodotti e processi di produzione.

Ad oggi la biotecnologia è ampiamente utilizzata per il raggiungimento di diversi traguardi fino a poco tempo fa inimmaginabili, come ad esempio lo sviluppo di sistemi produttivi basati su fonti energetiche alternative al petrolio o prodotti eco-compatibili. Tali applicazioni, però, prevedono che la legislazione tenga conto degli aspetti di sicurezza delle attività comportanti l’utilizzo di microorganismi geneticamente modificati. In questo senso, il decreto legislativo 206 del 2001 si rivolge alla tutela dell’uomo, dell’ambiente e dell’ecosistema in generale, definendo le misure e le norme procedurali da ottemperare per chiunque voglia manipolare, produrre in laboratorio, utilizzare o conservare microorganismi geneticamente modificati.

All’interno del documento di approfondimento trova spazio anche il progetto di ricerca scientifica intitolato “Prevenzione e tutela della salute e dell’ambiente in caso di impiego di tecniche biotecnologiche avanzate” la cui parola chiave è la promozione della sicurezza come “attuazione di un processo sistematico complesso che presupponga l’incrocio di competenze tecniche e scientifiche, molto dive diversificate dal punto di vista disciplinare, con l’obiettivo comune di razionalizzare e migliorare gli ambienti di lavoro. In molti casi il fattore umano costituisce il vero punto debole nei sistemi di sicurezza, da qui l’esigenza di prevedere un idoneo piano di sviluppo per migliorare le competenze attraverso l’addestramento, l’istruzione e l’apprendimento mirati e contestualmente di implementare opportune azioni che aumentino la consapevolezza delle conseguenze reali e potenziali, delle proprie attività lavorative, del proprio comportamento e dei benefici derivanti dal miglioramento delle prestazioni personali.”

► SCARICA IL DOCUMENTO

Aggiungi un commento alla notizia





CONTATTACI


Chiamaci allo 0424 38 26 38
o compila il box a lato, ti daremo tutte le
informazioni di cui hai bisogno.