27 giu 2005

1161 visite


Iscriviti alla Newsletter Aliseo


Rimani aggiornato sulle ultime novità!


ISCRIVITI QUI



SCADENZARIO: Agosto 2005




01/08/2005 Controllo sul commercio ed impiego di prodotti fitosanitari. Relazione annuale Il 1° agosto 2005 è la scadenza trimestrale per effettuare, da parte del gestore di discarica o di impianto di incenerimento senza recupero di energia, il versamento alla Regione del tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi. Il versamento va effettuato entro il mese successivo alla scadenza del trimestre solare in cui sono state effettuate le operazioni di deposito. La scadenza annuale di riferisce al tributo dovuto per i rifiuti smaltiti nel trimestre aprile â?? giugno 2005. Le modalità per il versamento del tributo e di presentazione della dichiarazione sono rimesse ad apposita normativa regionale. Per lâ??omessa o infedele registrazione delle operazioni di conferimento in discarica si applica la sanzione amministrativa commisurata al 50% del tributo relativo allâ??operazione. Questa sanzione è ridotta di un quarto qualora, entro il termine per ricorrere alle commissioni tributarie, intervenga adesione del contribuente e contestuale pagamento del tributo, se dovuto, e della sanzione (Art. 3, commi 30 e 31, legge 28 dicembre 1995, n.549) SCADENZA TRIMESTRALE 01/08/2005 Rifiuti. Tributo speciale per il deposito in discarica Gli esercenti dei grandi impianti di combustione (GIC) ex. direttiva n. 88/609/CEE devono versare la rata trimestrale dellâ??imposta sui consumi di carbone, coke di petrolio, bitume di origine naturale emulsionato con il 30% di acqua (orimulsion), impiegati negli impianti di combustione nellâ??anno precedente. Nellâ??ipotesi di ritardato adempimento sarà applicabile la sanzione amministrativa pecuniaria di una somma dal doppio al quadruplo della tassa dovuta, fermi restando i principi generali stabiliti dal D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472. Per le inosservanze di diverso tipo sarà applicabile la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 258,23 a euro 1549,37 (art. 50, D. Lgs. n. 504/1996) (Art. 8, commi 7 e 8, legge 23 dicembre 1998, n. 448) SCADENZA TRIMESTRALE 01/08/2005 Relazione mensile inquinamento acustico aeroportuale Entro il 1° agosto 2005 le regioni devono trasmettere al Ministero dellâ??Ambiente e della Tutela del territorio nonché al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la relazione mensile sul monitoraggio del rumore aeroportuale. Ciò al fine di verificare il rispetto da parte degli eventuali voli notturni compresi nella fascia oraria dalle ore 23.00 alle ore 6.00 locali, dei requisiti acustici previsti dal capitolo 3, parte II, volume I, Allegato XVI, della Convenzione relativa allâ??aviazione civile internazionale, stipulata a Chicago i 7 dicembre 1944 e ratificata in Italia con legge n. 561/1956. Dalle citate prescrizioni risultano, comunque, esentati i voli di Stato, sanitari e di emergenza. (Art. 1, D.P.R. 9 novembre 1999, n.476) SCADENZA MENSILE 03/08/2005 Estintori portatili di incendio Entra in vigore il DECRETO del Ministero dell'interno 7 gennaio 2005 - Norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di estintori portatili di incendio. (D.M. 7/1/2005) 07/08/2005 Ozono: qualità dellâ??aria â?? ambiente Il 7 agosto 2005 scade il termine entro il quale il Ministero dellâ??Ambiente e della Tutela del territorio, di concerto con il Ministero della Salute e sentiti il Ministero delle Attività produttive e la Conferenza unificata Stato/Regioni, dovrebbe stabilire i criteri per lâ??elaborazione dei piani e dei programmi regionali attuativi della direttiva n. 2001/81/CE nonché dei criteri per lâ??individuazione delle misure proporzionate da applicare per il raggiungimento dei valori bersaglio indicati (Art. 3, comma 4, D. Lgs. 21 maggio 2004, n.183) 13/08/2005 Direttive WEEE & RoHS - Rifiuti storici domestici Entrano in vigore le Direttive riguardanti la produzione e lo smaltimento di rifiuti storici domestici. In particolare l'ambito di applicazione comprende: 1. Prevenzione e gestione rifiuti delle apparecchiature elettriche & elettroniche che dipendono da correnti elettriche o campi elettromagnetici, progettate per essere usate con tensione non > 1000 V per la c.alternata e non > 1500 V per la c.continua , compreso componenti e materiali di consumo che sono allâ??interno del prodotto "a fine vita"; 2.Considerano produttore chi fabbrica, vende (anche via internet), rivende con suo marchio, importa / esporta in Europa; 3. Differenziano le misure tra prodotti "domestici" e "professionali", e tra "rifiuti nuovi", cioè dei prodotti immessi sul mercato dopo il 13/8/2005, e "rifiuti storici", cioè i prodotti immessi prima di quella data. - - - - - - - Rifiuti domestici nuovi (dopo il 13/8/2005): ciascun produttore è responsabile per il finanziamento della raccolta, trattamento, recupero e smaltimento dei suoi prodotti; può farlo individualmente o tramite sistemi collettivi; il produttore deve fornire garanzie sulla gestione finanziaria di tali attività e deve marcare chiaramente i propri prodotti; la garanzia può assumere la forma di partecipazione a regimi per il finanziamento, di una assicurazione di riciclaggio o di un contobancario vincolato; i costi della raccolta, trattamento e smaltimento non devono essere indicati separatamente agli acquirenti al momento dell'acquisto. Rifiuti storici domestici - Entro il 13/8/2005 inoltre: il produttore è responsabile finanziariamente della raccolta dei "rifiuti storici", attraverso uno o più sistemi collettivi ai quali contribuiscono in % tutti i produttori esistenti sul mercato, ades. in proporzione delle rispettive quote di mercato per tipo di apparecchiatura; per un periodo transitorio di 8 anni dallâ??entrata in vigore della direttiva (10 per i grandi elettrodomestici ) i produttori possono indicare agli acquirenti di un nuovo prodotto i costi di raccolta/smaltimento sul punto di vendita ("visible fee"). Prodotti professionali - Entro il 13/8/2005 inoltre: Il produttore (o terzi che agiscono per lui) deve provvedere alla raccolta, trattamento, recupero e smaltimento dei rifiuti dei prodotti immessi dopo il 13/8/2005 1. Per i "rifiuti storici", per quelli sostituiti da prodotti equivalenti o prodotti adibiti alla medesima funzione, i costi sono coperti dai produttori dei nuovi prodotti allâ??atto della fornitura; gliStati membri possono, in alternativa, disporre che gli utenti ditali prodotti siano anchâ??essi, parzialmente o totalmente, responsabili di tali costi 2. Per gli altri "rifiuti storici" (quelli non sostituiti), i costidella raccolta incombono agli utenti â?¢ Fatti salvi gli scopi della direttiva, produttori ed utenti possono concludere accordi con altre modalità di finanziamento. (Direttiva 2002/96/CEE (RAEE) - Direttiva 2002/95 (ROHS) - G.U.U.E. L 37 13/2/2003) 16/08/2005 Denuncia infortuni settore estrattivo Entro il 16 agosto 2005 il â??titolareâ? ex art. 2, comma 1, lettera b), D.Lgs. n. 624/1996 deve trasmettere allâ??autorità di vigilanza un prospetto riassuntivo, anche se negativo, degli infortuni verificatisi nel mese precedente e che abbiano comportato unâ??assenza dal lavoro di almeno tre giorni. (Art. 25, comma 8, D.Lgs. 25 novembre 1996, n. 624) SCADENZA MENSILE 31/08/2005 Campionamento delle acque da balneazione Entro il 31 agosto 2005 le Agenzie regionali per la protezione dellâ??Ambiente (ARPA) ovvero, se non istituite, i Presidi e servizi di prevenzione multizonali, devono trasmettere al Ministero della Salute i risultati dei campionamenti mensili relativi alla qualità delle acque da balneazione. (art. 2, lettere c) e d), e art. 4, comma 3, D.P.R. 8 giugno 1982, n. 470; art. 18, comma 1, lettera b), legge 29 dicembre 2000, n. 422)

Aggiungi un commento alla notizia





CONTATTACI


Chiamaci allo 0424 38 26 38
o compila il box a lato, ti daremo tutte le
informazioni di cui hai bisogno.