31 gen 2019

820 visite


Iscriviti alla Newsletter Aliseo


Rimani aggiornato sulle ultime novità!


ISCRIVITI QUI



INAIL | Apparecchi a pressione – Prima verifica periodica




Il Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici ha redatto il documento dal titolo “Apparecchi a pressione tubazioni. Istruzioni per la verifica periodica ai sensi del d.m. 11 aprile 2011”.

Il documento inizia introducendo proprio il d.m. 11 aprile 2011 sottolineando che questi disciplina le modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature a pressione individuate nell'allegato VII del d.lgs. 81/08.

Ora la competenza della prima verifica periodica è in capo all'INAIL stesso mentre, per quanto riguarda le verifiche successive, il Datore di lavoro ha la facoltà di rivolgersi alle ASL o ad altri soggetti abilitati. A far data dal 23 Marzo 2012 invece, le verifica deve essere richiesta all''Unità operativa territoriale dell'Inail competente per territorio l'effettuazione della prima delle verifiche periodiche, con le scadenze indicate nell'allegato stesso.

Gli obblighi del Datore di Lavoro

Secondo quanto riportato all'interno del d.m. 11 aprile 2011, il Datore di Lavoro proprietario di un'attrezzatura o di un insieme a pressione deve necessariamente:

  • comunicare la messa in servizio dell'attrezzatura o dell'insieme a pressione all'Unità operativa territoriale dell'Inail competente per territorio. se l'attrezzatura/insieme non è esclusa/o dal controllo di messa in servizio ai sensi dell'art. 5 del d.m. 329/04, prima di metterla/o in servizio il datore di lavoro dovrà richiedere che venga sottoposta/o alla verifica di messa in servizio ai sensi dell'art. 4 del d.m. 329/04;
  • richiedere la prima delle verifiche periodiche all'Unità operativa territoriale dell'Inail competente per territorio; tale verifica è da effettuarsi secondo la periodicità di cui all'allegato VII del d.lgs. n. 81/08, che decorre dalla data di messa in servizio dichiarata dal datore di lavoro. La prima verifica periodica prevede, oltre ai controlli di sicurezza, la compilazione di una scheda tecnica di identificazione dell'attrezzatura o dell'insieme, al fine di consentirne l'iscrizione nella banca dati informatizzata di cui all'art. 3, comma 1 del d.m. 11 aprile 2011;
  • comunicare all'Unità operativa territoriale dell'Inail competente per territorio la cessazione dell'esercizio, il trasferimento di proprietà e lo spostamento (in quest'ultimo caso è anche necessario dichiarare una nuova messa in servizio dell'attrezzatura o dell'insieme), al fine di consentire l'aggiornamento della banca dati informatizzata.

Campo di applicazione

Secondo il d.m. 11 aprile 2011, sono soggette a verifiche periodiche le tubazioni di cui all'allegato VII del d.lgs. 81/08, ferme restando le disposizioni previste dal d.m. 329/04. Quest'ultimo esclude dal suo campo di applicazione, e quindi anche dall'obbligo della dichiarazione di messa in servizio da parte dell'utilizzatore e dall'assoggettamento alle verifiche di primo impianto e periodiche:

  • le tubazioni già escluse dal campo di applicazione del d.lgs. 93/20003 e s.m.i.;
  • le tubazioni con pressione massima ammissibile non superiore a 0,5 bar;
  • le tubazioni o gli insiemi di tubazioni previsti dall'articolo 3, comma 3 del d.lgs. 93/2000 e s.m.i.;
  • le tubazioni di collegamento, all'interno di un sito industriale, fra serbatoi di stoccaggio e impianti di produzione o di esercizio, a partire dall'ultimo limite dell'impianto stesso (giunto flangiato o saldato);
  • le tubazioni destinate al riscaldamento o al raffreddamento dell'aria;
  • i serpentini ad afflusso libero nell'atmosfera o ad afflusso libero in liquidi con pressione non superiore a 0,5 bar;
  • le tubazioni con DN4 minore o uguale a 80;
  • le tubazioni che collegano attrezzature a pressione che risultano singolarmente escluse dal campo di applicazione dello stesso d.m. 329/04

 

Accenno sulle tubazioni soggette a verifiche periodiche e frequenze/tipo delle verifiche

Di seguito riportiamo – a titolo informativo ed esemplificativo dei contenuti del documento – una tabella contenente le informazioni relative alle tubazioni soggette a verifiche periodiche e frequenze/tipo delle verifiche:

TUBAZIONI PER

FLUIDO GRUPPO

TS

FREQUENZA/TIPO DI VERIFICA

liquidi, liquidi surriscaldati, vapori e gas classificate in I, II e III categoria

1

Qualsiasi

- ogni 5 anni: verifica di funzionamento - ogni 10 anni: verifica di integrità

liquidi surriscaldati, vapori e gas classificate in III categoria.

2

≤ 350°C

- ogni 10 anni: verifica di integrità

liquidi surriscaldati, vapori e gas classificate in III categoria.

2

> 350°C

- ogni 5 anni: verifica di funzionamento - ogni 10 anni: verifica di integrità

 

Rimandiamo il lettore alla consultazione completa del documento scaricabile gratuitamente a questo link.

Aggiungi un commento alla notizia





CONTATTACI


Chiamaci allo 0424 38 26 38
o compila il box a lato, ti daremo tutte le
informazioni di cui hai bisogno.