20 nov 2018

198 visite


Iscriviti QUI
ad Aliseo News


La newsletter tecnica
GRATUITA
su salute e sicurezza
nei luoghi di lavoro

ISCRIZIONE



INAIL | Quaderno tecnico sulle reti di sicurezza




Continua la nostra rassegna dedicata ai quaderni tecnici dell'INAIL dedicati ai cantieri temporanei o mobili.

Oggi ci occupiamo del quaderno dedicato alle reti di sicurezza.

Contribuendo a ridurre gli effetti di una possibile caduta dall'alto, le reti di sicurezza ben esprimono il concetto di protezione collettiva. Non vengono usate frequentemente nei cantieri temporanei o mobili del nostro paese a causa di motivazioni di tipo culturale.

Sono svariati i vantaggi derivanti dall'utilizzo di questo tipo di protezione e sono legati anche alla facilità di posa e alle ridotte azioni sul corpo che il lavoratore subisce in caso di caduta.

Le reti di sicurezza sono dispositivi di protezione collettiva (DPC) destinati alla protezione di persone e/o cose contro le cadute dall'alto, costituiti da reti e da intelaiature di sostegno.

Possono essere utilizzate nelle lavorazioni in cui esiste il rischio di caduta dall'alto e cioè nei lavori in quota.

 

La classificazione

Classificate secondo la UNI EN 1263-1:2015 le reti di sicurezza si classificano per classe o per sistema.

La classificazione per classe definisce le dimensioni della maglia e la resistenza della rete:

  • Classe A1 l M = 60 mm E = 2,3 kJ 
  • Classe A2 l M = 100 mm E = 2,3 kJ 
  • Classe B1 l M = 60 mm E = 4,4 kJ 
  • Classe B2 l M = 100 mm E = 4,4 kJ

con IM (dimensione delle maglie) e E valore dell'energia

La classificazione per sistema, invece, indica la tipologia del supporto della rete e la diversa modalità di impiego:

Sistemi per l’impiego orizzontale (S, T)

  • Sistema S è la rete di sicurezza con fune sul bordo che incornicia e rinforza la zona perimetrale e alla quale vengono collegati i cavi di sollevamento e ancoraggio. Essa viene messa in opera in posizione orizzontale per proteggere da cadute una zona ampia dell’area di lavoro generalmente interna alla struttura da proteggere. Le reti di sicurezza del Sistema S devono avere una superficie minima di 35 mq e lato corto non inferiore a 5 m.
  • Sistema T è la rete di sicurezza attaccata a consolle (telaio metallico di supporto) per utilizzo orizzontale; a differenza del Sistema S ha un minore sviluppo superficiale e si presenta come una mensola agganciata alla parete esterna del manufatto.

Sistemi per l’impiego verticale (U, V)

  • Sistema U è la rete di sicurezza attaccata a una intelaiatura di sostegno per utilizzo verticale; essa può avere o non avere un telaio proprio, fornito dal costruttore, e viene vincolata e agganciata all’intelaiatura di sostegno tramite idonea fune o cinghia.
  • Sistema V è la rete di sicurezza con fune sul bordo attaccata a un sostegno a forca; è a installazione verticale e protegge da cadute sia laterali che verticali che si verificano da due piani.

 

Per consultare il quaderno tecnico nella sua interezza scarica il documento da questo link.

 

 

Aggiungi un commento alla notizia





SIAMO A TUA DISPOSIZIONE

Chiamaci allo 0424 38 26 38
o compila il box a lato.

Ti daremo tutte le informazioni
di cui hai bisogno!