27 feb 2017

2567 visite


Iscriviti alla Newsletter Aliseo


Rimani aggiornato sulle ultime novità!


ISCRIVITI QUI



SENTENZA - Infortunio durante pulizia di un macchinario in movimento, colpevoli DL e RSPP




 Cassazione Penale, Sez. 4, 20 febbraio 2017, n. 8115 - Pulitura di un macchinario in movimento: infortunio e responsabilità del datore di lavoro e del RSPP

Il fatto

Mentre stava pulendo i cilindri accoppiatori di una macchina da residui di colla, lo straccio avviciniato ai due rulli convergenti viene risucchiato, facendo urtare violentemente la mano del lavoratore contro la barra di protezione metallica posta fra i due rulli e provocando un "trauma da sguantamento secondo dito mano destra e infrazione testa falange media", lesioni giudicate guaribili in 85 giorni.

In prima analisi vengono condannati C.G. quale delegato in materia antinfortunistica e, in tale veste, di datore di lavoro del R.B.; e M.R. quale dirigente in materia antinfortunistica (nominato in agosto 2009) per non avere indicato, nel redigere il documento di valutazione dei rischi relativi all'uso del macchinario, le misure di prevenzione e di protezione da attuare e i dispositivi di protezione individuale da adottare nell'esecuzione delle operazioni di pulitura della macchina, con riferimento ai rischi di trascinamento, intrappolamento e schiacciamento degli arti superiori.

Il ricorso

Tra le motivazioni del ricorso i due imputati sostengono di avere posizioni e funzioni differenti e quindi dovevano essere isolate le responsabilità. Nello specifico vista la qualifica di datore di lavoro e all'attribuzione dei relativi poteri in capo a C.G. costui non poteva essere un mero "delegato" ma aveva funzioni e poteri datoriali, mentre  M.R. era delegato in materia antinfortunistica e responsabile del servizio di prevenzione e protezione dello stabilimento. Di conseguenza viste le funzioni differenti, la responsabilità del C.G. doveva pertanto essere circoscritta al solo profilo dell'individuazione e valutazione del rischio, in relazione al quale non é ammessa delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ai sensi dell'art. 17 D.Lgs. 81/2008; e da tale profilo di responsabilità doveva essere esclusa la posizione del M.R..

La sentenza

La motivazione non è ammissibile in quanto il responsabile del servizio di prevenzione e protezione, pur svolgendo all'interno della struttura aziendale un ruolo non gestionale ma di consulenza, ha l'obbligo giuridico di adempiere diligentemente l'incarico affidatogli e di collaborare con il datore di lavoro, individuando i rischi connessi all'attività lavorativa e fornendo le opportune indicazioni tecniche per risolverli, all'occorrenza disincentivando eventuali soluzioni economicamente più convenienti ma rischiose per la sicurezza dei lavoratori. In relazione a tale suo compito, può essere chiamato a rispondere, quale garante, degli eventi che si verifichino per effetto della violazione dei suoi doveri (vds. in particolare Sez. U, n. 38343 del 24/04/2014, Espenhahn e altri, Rv. 261107).

Inoltre, in tema di infortuni sul lavoro, qualora vi siano più titolari della posizione di garanzia, ciascuno é per intero destinatario dell'obbligo di tutela impostogli dalla legge fin quando si esaurisce il rapporto che ha legittimato la costituzione della singola posizione di garanzia, per cui l'omessa applicazione di una cautela antinfortunistica é addebitabile ad ognuno dei titolari di tale posizione (vds. ad es. Sez. 4, n. 18826 del 09/02/2012, Pezzo, Rv. 253850).

Pertanto, nel caso di specie sia al datore di lavoro, sia al R.S.P.P. incombeva l'obbligo di individuare non solo i rischi connessi all'operazione di pulitura della macchina, ma altresì le procedure più corrette per eseguire in sicurezza tale operazione

 

Leggi tutta la sentenza qui [Olympus]

Scopri uno strumento per l'analisi degli infortuni

Sono presenti 2 commenti alla notizia

franco
27 feb 2017 alle 15:43

bene

franco
27 feb 2017 alle 15:46

Si parla di un rspp delegato, ben diverso da rspp semplice...

Aggiungi un commento alla notizia





CONTATTACI


Chiamaci allo 0424 38 26 38
o compila il box a lato, ti daremo tutte le
informazioni di cui hai bisogno.





Together for safety necsi group