28 nov 2018

226 visite


Iscriviti QUI
ad Aliseo News


La newsletter tecnica
GRATUITA
su salute e sicurezza
nei luoghi di lavoro

ISCRIZIONE



INAIL | Quaderno tecnico: Trabattelli




Continua la nostra divulgazione degli 8 Quaderni Tecnici realizzati da INAIL per i Cantieri Temporanei o Mobili. Oggi ci occupiamo dei Trabattelli.

Utilizzati in molteplici attività effettuate nei cantieri temporanei o mobili quando ci sia la necessità di spostarsi rapidamente nel luogo di lavoro e si debbano eseguire attività ad altezze non elevate, i trabattelli risultano uno strumento di lavoro assai utile ed efficiente.

  • La loro scelta da parte del Datore di Lavoro deve avvenire tenendo conto de:
  • Le dimensioni dell'impalcato,
  • L'altezza massima in base alla presenza o all'assenza di vento,
  • La classe di carico,
  • Il tipo di accesso agli impalcati: scala a rampa, scala a gradini, scala a pioli inclinata, scala a pioli verticale,
  • I carichi orizzontali e verticali che possono contribuire a rovesciarlo,
  • Le condizioni del terreno,
  • L'uso di stabilizzatori, sporgenze esterne e/o zavorre,
  • La necessità degli ancoraggi.

 

La corretta definizione di Trabattello è una torre mobile costituita da elementi prefabbricati che presentano uno o più impalcati di lavoro e appoggiano a terra permanentemente su ruote; essi possono essere utilizzati:

  • nelle lavorazioni nelle quali ci sia la necessità di operare in altezza
  • nei lavori in quota (attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile).

 

La classificazione dei trabattelli può avvenire in base alle classi di carico e al tipo di accesso agli impalcati.

 

Classificazione in base alle classi di carico

Secondo la UNI EN 1004: 2005 i trabattelli vengono divisi in due classi di carico:

Classi

Carico uniformemente distribuito (kN/m2)

2

1,5

3

2,00

 

Classificazione in base al tipo di accesso agli impalcati

La UNI EN 1004:2005 prevede quattro opzioni di accesso all'impalcato del trabattello:

  • accesso tipo A: scala a rampa
  • accesso tipo B: scala a gradini
  • accesso tipo C: scala a pioli inclinata
  • accesso tipo D: scala a pioli verticale

Il fabbricante può fornire una o più opzioni di accesso per uno stesso trabattello e darne indicazione nella marcatura.

Classificazione in base alle condizioni di utilizzo

La UNI EN 1004:2005 prevede per i trabattelli due condizioni di utilizzo:

  • all'esterno: ovvero con presenza di vento
  • all'interno: ovvero con assenza di vento

Nel primo caso, l'altezza massima del trabattello non può superare gli 8 m; nel secondo, i 12 m. Il trabattello conforme alla UNI EN 1004:2005 non può avere altezza inferiore a 2,5 m.

Per consultare nella sua interezza il documento in questione clicca qui.

Aggiungi un commento alla notizia





SIAMO A TUA DISPOSIZIONE

Chiamaci allo 0424 38 26 38
o compila il box a lato.

Ti daremo tutte le informazioni
di cui hai bisogno!