ALISEO NEWS, L'INFORMAZIONE TECNICA GRATUITA



UNI ISO 45001 | Proroga della data di migrazione

UNI ISO 45001:2018, si tratta di una delle più importanti norme nell'ambito della Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro, dedicata ai Sistemi di Gestione che va a sostituirsi alla precedent OHSAS 18001


APPROFONDIMENTI NECSI | Guida alle attività di adeguamento al Protocollo Condiviso Governo e Parti Sociali

In queste due settimane Necsi è stata particolarmente vicina ai propri Clienti i quali avevano la necessità di attuare nel modo più efficace ed efficiente possibile le direttive del suddetto Protocollo e, per questo motivo, avendo noi raccolto un numero esauriente di casi studio, abbiamo scelto di condividere con tutti quella che possiamo ben definire una guida su come è possibile agire a livello di gestione dell'Azienda per permettere ai propri dipendenti di lavorare in totale sicurezza.


VENETO | Le novita' per le verifiche e manutenzioni periodiche durante il Coronavirus

A seguito del DL dello scorso 17 marzo e al Protocollo condiviso sottoscritto dalle parti sociali, la Regione Veneto ha presentato un documento con indicazioni operative per la tutela della salute negli ambienti di lavoro non sanitari. Nella nuova versione proposta il 26 marzo 2020 si sottolinea come si intendano superare, qualora incompatibili, le misure raccomandate nelle versioni precedenti.


ECHA | Agevolazione delle procedure par la fornitura dei disinfettanti

Per combattere la diffusione dell’emergenza gobale del Covid-19, ECHA ha scelto di attivarsi per migliorare l’accesso ai disinfettanti per gli operatori sanitari e cittadini europei, aumentando la produzione e la conseguente fornitura di questi prodotti.


SENTENZE | 2020-10123 Vigilare sulle prassi Contra Legem

Come ben sappiamo, il datore di lavoro ha l'obbligo di vigilare al fine di contrastare e di impedire le prassi “contra legem” e, in caso contrario, qualora si verificasse un infortunio, lo stesso datore di lavoro risponde di omicidio colposo aggravato dalla violazione delle norme antinfortunistiche.


COVID-19 | Tre nuovi Check Up per valutare le azioni intraprese dalla tua azienda contro il Coronavirus

In questo momento di emergenza globale, nel quale è cambiata la nostra vita, le nostre abitudini, il nostro modo di relazionarci e il nostro stesso modo di lavorare, Necsi ha scelto di lanciare una campagna di comunicazione chiamata "La Sicurezza non si Ferma" per sensibilizzare le aziende sull'importanza di mantenere alta l'attenzione al fondamentale tema della Salute e della Sicurezza nei luoghi di Lavoro.


APPROFONDIMENTI NECSI | Disturbi muscoloscheletrici lavoro correlati: fatti e cifre nell'Unione Europea

Recentemente è stato pubblicato nelle sue intere 215 pagine l'atteso "Work-related musculoskeletal disorders: prevalence, costs and demographics in the EU", un magnifico report in cui la European Agency for Safety and Health at Work espone i risultati di uno studio che fornisce un quadro accurato in merito all'andamento della Malattie Muscolo-Scheletriche in tutta Europa, sfruttando ed analizzando i dati esistenti relativi a tali patologie lavorative pubblicati dalle varie amministrazioni dell'UE.


COVID-19 | Il protocollo di contenimento della diffusione nei luoghi di lavoro

Lo scorso 14 marzo è stato firmato da sindacati e imprese il "protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro".


EU-OSHA | Disturbi Muscolo Scheletrici al centro della prossima campagna europea

Recentemente, l'Agenzia Europea per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro ha pubblicato su proprio sito una sintesi delle 10 relazioni degli Stati Membri dell'UE riguardo i Disturbi Muscoloscheletrici lavoro correlati.


INAL | Procedura sperimentale per la determinazione della componente batterica del materiale particolato

Negli ultimi anni il numero delle attività lavorative che sono soggette a rischio biologico è notevolmente aumentato. Questo accade a causa della mancanza di metodi standardizzati per misurare quantitativamente la componente batterica del materiale particolato e perché i limiti di esposizione agli agenti biologici non sono ancora stati stabiliti né tantomeno sono disponibili informazioni sufficienti per dare contezza della relazione dose-risposta.